poesia

politicanti

Sti vintiquatt’ore mie sono chiene chiene,
avvermecate, ‘e corsa e cusute cu’ ll’ansie e cu’ e pensiere.
Nu prufessore’ pulito e frisco frisco
me dice ‘a rinto ‘a televisione ca’ oggi,
pe sta’ cujet’ e mettere ‘o piatto a tavola ‘amma correre sempe,
sturia’ tutta ‘a vita e ciamma scurda’ ‘o posto fisso.
Tant’autre ca s’affacciano ‘a rinto ‘a chella scatulella mia
ca songo d’autre culure,
comme so’ ssempe state ‘e ttribù,
s’arravogliano co ‘e llungue sempe diece passi ‘ncopp ‘a mme
e senza ricere niente d’o ‘lloro,
regnennose ‘a vocca ‘e parole c’accattano.
Ma che ne sanno sta ggente sicche e senza palle che de’ ‘a vita,
‘a poesia, l’anema e l’ozzio e chi sape tutte e cose e nun dice niente?
Appocundrut nce’ penso e ddico:
ma addó stamme jenno, che vvia è chesta?
Che stamme facenno?…
‘e chi è sta democrazia addó nun ce sta spazio pe’ nisciuno?
Addo’ó chi è cumannato nun capisce chi ‘o cumann’
e chi cumann’ non sape e nun capisce ll’anema soja e insegna tutto ‘o riesto?
Giambattista ‘o ddiceva ca ce stevano e corsi e i ricorsi ca ce guvernano
e chesta ‘e oggi è proprio na’ bbarbaria,
so’ turnate chille ca’ ce pigliano, cummanano parlanno ‘n ‘ata lengua,
senza rispetto e senza Ddio.
Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...