poesia

Napule è

A sta città cchiù ‘a schiattano
e chell’ cchiù piglia forza,
curaggio e orgoglio…
A sta città cchiù ‘a maltrattano,
‘a sparlano e ‘a cummogleno e munnezz
e chell’ cchiù bell’ rinasce.
Non se fa’ mai vecchia
tutto ce passa ‘nguoll’ a sta città abbandonata
nu’ tesoro immenso, scurdato,
che s’arrecrea rint’ ‘e cuopp’ e giurnal,
rint’ e singole parole
ca’ pure se so’ corte
te’ sanno fa vede’ e cose
e sanno raccontà
vann’ annanz’
addó le altre lingue si devono solo ferma’.
Sta città è fatta e mille culure e mille paure
e ‘a gente cammina miezo ‘a via pe’ sbraità’…
Ma, se o’ dicevi tu Pinù
tutti ce fermavamo pe’ te’ senti’
cu’ ll’uocchie chiusi
e o’ fridd ‘nguoll’
e mo’, oggi ca te ne si’ ghiut’
te sentimm’ che guance ‘nfose e ‘o core scuro.
Mo’ nun ce stai cchiù
vola Pinù, vola Pinù…
noi stamm’ cca’,
cca’, è tutta n’ata storia
qualcuno sbraita ancora
col mio, ‘o touj e ‘o nuost’…
Tu non li pensa’
Vola Pinù addó primm’ ce portavi ca’ voce e a musica
Vai mo’, vola Pinù!

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...