poesia

Un giorno nuovo

la prima brezza della mattina sussurra lievi segreti

mentre nel cielo le nuvole si spostano lente

mosse dalla stessa delicatezza che accarezza i miei capelli

il sole si affaccia

il silenzio ascolta con me questo nuovo inizio
Annunci
Standard
poesia

La competizione

La competizione senza regole

è senza amore

è al sevizio del denaro
non ha tempo per niente
non si accorge di niente
è disumana
è lo sterminio della dignità umana
si veste con un abito moderno
è la “libertà” di chi ha le mani in tasca e alza le spallucce
questa competizione si nutre di schiavi
ma ha un bel nome

e resta spavalda su ogni bandiera

Standard
poesia

Che po fa a tristezza

So muort da poco
l’assenza mia riempie tutte e stanze
e pantofole
ca usavo tutti e juorne
accostate vicino o’ lietto
fanno chiagnere a Maria
ca’ e guarda e chiagne.
È stato troppo per me
troppi ccose
o’ core mio se rattristato
ll’uocchie mie non vedevano cchiù niente.
So’ rimasto solo
cche’ voci rint’ e cervelle
nu poco e terra fredda e camposanto rint’ o’ core
o’ telefono mmano
e nisciuno a chiamma’…
Che omm’ è chi ha campato comm’ a me?
È stato meglio che aggia chiuso gli occhi?
E chi o’ sape!
Chi o po sapé?
È stato tutto senza senso
tutta na bugia
che fa male
ca’ non serve a niente
serve solo a scrivere
Sono vere ‘e lacrime
è vero o’ dolore
ca tenevo ‘mpiett
e che mo’ lascio cca’
mmiez a voi
per nu poco e tiempo
poi, a mancanza restarra’ rint’ a nu cassetto
mmiez a quattro stracci
sotto a polvere e na fotografia
o’ spero tanto per voi ca restate
o’ spero che a vita vada avanti
comm ha fatto sempre
spero ca non si scordi di voi
comm’ ha fatto con me.

Standard
poesia

Fammi capi’

E non sto bbuon’ cca’
non saccio che aggia fa
so sempre e stessi cose
miez a tanti voci

cca’ non fa per me
non tengo nient a vere’
correre a priess’ e’ sord’
m’avveleno e po’ me scordo

ma a che serve?
io teng’ n’ata vita a truvà
e non saccio addo’ sta’

me sento comm’ Geremia
quando s’annascunneva
se sentiva femmena
e s’annascunneva

qual’è a faccia mia
mo che sceng’ miez a via

tu me parli e sord’
e business
ma a me
me pari solo nu fesso

sti sord m’hanno acciso
va tu
sentiti forte
te’ so rimaste solo sti porte

sto solo
e non me ne fotte niente
voglio solo sta quiet’
assetato cca’ deret’

Me voglio senti bbuono
m’adda fa male a schiena
pe nun sentì cchiu’ sta pena

facetemi capi’
co nu bicchiere e vino
facetemi capi’
che carte mie in mano

dentro a ‘sti mura
non so cazzo e capi’
gli anni se ne vanno
e ca’ capa calata stamm’

Adda’ uscì sta juarnata
pe’ me scurda’ chi ero
pe’ me scurda’ che cercavo

miezo a gente
co’ cielo ‘mpiett’
tu stai zitta e m’aspiett’

fammi capi’
tienimi stritt
sta nuttata non vo’ fini’
fammi capi’

stu’ vecchiariell
è na’ salvezza
tene gli occhi veri
e mi capisce

e io sto meglio
non ma piglio che pensieri
o posso capi’
cu poco
o posso capi’

Standard