poesia

Fammi capi’

E non sto bbuon’ cca’
non saccio che aggia fa
so sempre e stessi cose
miez a tanti voci

cca’ non fa per me
non tengo nient a vere’
correre a priess’ e’ sord’
m’avveleno e po’ me scordo

ma a che serve?
io teng’ n’ata vita a truvà
e non saccio addo’ sta’

me sento comm’ Geremia
quando s’annascunneva
se sentiva femmena
e s’annascunneva

qual’è a faccia mia
mo che sceng’ miez a via

tu me parli e sord’
e business
ma a me
me pari solo nu fesso

sti sord m’hanno acciso
va tu
sentiti forte
te’ so rimaste solo sti porte

sto solo
e non me ne fotte niente
voglio solo sta quiet’
assetato cca’ deret’

Me voglio senti bbuono
m’adda fa male a schiena
pe nun sentì cchiu’ sta pena

facetemi capi’
co nu bicchiere e vino
facetemi capi’
che carte mie in mano

dentro a ‘sti mura
non so cazzo e capi’
gli anni se ne vanno
e ca’ capa calata stamm’

Adda’ uscì sta juarnata
pe’ me scurda’ chi ero
pe’ me scurda’ che cercavo

miezo a gente
co’ cielo ‘mpiett’
tu stai zitta e m’aspiett’

fammi capi’
tienimi stritt
sta nuttata non vo’ fini’
fammi capi’

stu’ vecchiariell
è na’ salvezza
tene gli occhi veri
e mi capisce

e io sto meglio
non ma piglio che pensieri
o posso capi’
cu poco
o posso capi’

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...