poesia

O’ Vient’

Stu’ vient’ vo’ pazzia’ cu me

ma io non tengo genio

sto avvermecato e pensieri

me strunzeo ca’ tristezza

ma chill’ ‘nsiste

me sposta e capill’

m’aiza a cammisa

me pare ca me vo’ sfottere

o forse, non se ne fotte niente e me

è vient’ e adda sbarià

è vient’ e non può aspettà

e tira vient’, tira!

‘ncoppa a sta faccia mia

tira e famme scurdà

puortate tutti e pensieri

e vai a sperderli

pe’ d’int’ e vic’

ca io, mi metto e mani d’int’ e sacc’

e sbareo cu te

tanto non serve a niente sta pucundria

me strunzeo sol’io

ja’ vien’ ja’

famme vede che sai fa

io non voglio cchiu’ niente

e niente cchiu’ posso vole’

e che rummore ca’ fai…

vient’, non me porta’ niente

vient’, tu si nient’ ma io te sento

e m’arrecreo cu stu nient’…

Annunci
Standard
poesia

Bukowski

La perfezione mi fa schifo, mi repelle. 
Tutte quelle donne e quegli uomini che cercano 

la perfezione negli stereotipi creati della società 

mi fanno venire il vomito.
Fottuti manichini di carne, 

senza personalità o amore per se stessi. 
Stessi vestiti, stessa musica, stesse espressioni, 

stessi cibi, stesse scopate, stesse auto, 

stesse vite…e alla fine? 
Stessi suicidi neurali di massa.
Perché vivere come un automa 

è senza ombra di dubbio un suicidio.
Quando tutti si è uguali, tutti si è nessuno. 
La perfezione è un uccellino in gabbia 

che vive, mangia, caga e muore 

con il solo scopo d’essere ammirato.
Io voglio vivere libero, 

spiumato, infreddolito, denutrito ma libero.
– Charles Bukowski.

Standard