Uncategorized

Uomo

Sono triste, non sento più, davanti a me, tutta la vita.

La mia solitudine è un caos.

Sono un poeta muto, impegnato in inutili sgrovigli di matasse informi, matasse vergini, matasse arrugginite che mi vincono restando inermi.

Sono fuori tempo con il tempo.

Non riesco a governare il malessere di questa nuova persona che è venuta ad abitare in me. Non mi piacciono i suoi pensieri ammuffiti, la sua intolleranza, l’incapacità di creare o fare del bene.

I giorni passano inutilmente, passano implacabili, senza pietà, indifferenti di me.

La sensazione che ho è quella di essere stato dimenticato.

Dimenticato ad una di quelle vecchie festa fatte in casa.

Dimenticato dalla mia volontà, scaricato ad un bivio della vita, nella strada sbagliata.

Anche stasera il cielo non si risparmia, si tinge di rosso, di giallo, di azzurro.

La mia mente resta grigia, stupida, sorda.

Vorrei gridare forte il mio dolore. Taccio, rinuncio. Conosco bene gli orecchi educati alle parole.

Voglio essere uomo e nient’altro.

Sono uomo e nient’altro, ma, non basta.

Un uomo non basta, è intollerabile.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...