Uncategorized

Senza Dio

Cammino, cammino e sto sempre piegato contro a sto cazzo e viento, annascunnenn’ a Dio ‘mpiett’.

Con Dio attuorn’ a me,

tutto o juorn’ e tutti e juorn’.

Ca’ croce ‘ngopp’ e spalle e sta certezza certa ca me ha rotto o’ cazzo.

Abbandunass’ tutte e ccose

lasciass’ pure a croce ‘nterra

e ma facess’ a piedi senza Dio.

Pe’ me senti’ libero e schifato

incazzato, chino e collera

me jes’ a vede’ e stelle bianche e chelle nere.

Me voglio senti’ solo e forte

voglio tene’ a forza e a pazienza

me voglio senti’ vuoto e senza colpa

e nun prova’ ammore per niente

e ama’ tutto cos’

solo per me

senza da’ conto a nisciuno

me voglio piglia’ o corpo e tutte e femmene ca me danno o’ permesso

e me voglio piglià tutte e bestemmie ‘nguoll

voglio sta sciolto comm’ n’animale

e fa e conti cu’ mme’

pe’ schiarà st’anema scema

ca’ vive sta vita a luntano

rint’ e vocche e rint’ all’ucchie da gente.

A voglio guardà ‘nfaccia sta vita sfaccimma

co’ fuoco rint’ all’uocchie

padrone e me

senza aspetta’ a nisciuno

con la volontà e cagnà tutti i valori

guardandoli in faccia uno ad uno

tutti e juorn’

Voglio solo capì e non voglio cchiù credere.

Standard
poesia

Che po fa a tristezza

So muort da poco
l’assenza mia riempie tutte e stanze
e pantofole
ca usavo tutti e juorne
accostate vicino o’ lietto
fanno chiagnere a Maria
ca’ e guarda e chiagne.
È stato troppo per me
troppi ccose
o’ core mio se rattristato
ll’uocchie mie non vedevano cchiù niente.
So’ rimasto solo
cche’ voci rint’ e cervelle
nu poco e terra fredda e camposanto rint’ o’ core
o’ telefono mmano
e nisciuno a chiamma’…
Che omm’ è chi ha campato comm’ a me?
È stato meglio che aggia chiuso gli occhi?
E chi o’ sape!
Chi o po sapé?
È stato tutto senza senso
tutta na bugia
che fa male
ca’ non serve a niente
serve solo a scrivere
Sono vere ‘e lacrime
è vero o’ dolore
ca tenevo ‘mpiett
e che mo’ lascio cca’
mmiez a voi
per nu poco e tiempo
poi, a mancanza restarra’ rint’ a nu cassetto
mmiez a quattro stracci
sotto a polvere e na fotografia
o’ spero tanto per voi ca restate
o’ spero che a vita vada avanti
comm ha fatto sempre
spero ca non si scordi di voi
comm’ ha fatto con me.

Standard
poesia

Fammi capi’

E non sto bbuon’ cca’
non saccio che aggia fa
so sempre e stessi cose
miez a tanti voci

cca’ non fa per me
non tengo nient a vere’
correre a priess’ e’ sord’
m’avveleno e po’ me scordo

ma a che serve?
io teng’ n’ata vita a truvà
e non saccio addo’ sta’

me sento comm’ Geremia
quando s’annascunneva
se sentiva femmena
e s’annascunneva

qual’è a faccia mia
mo che sceng’ miez a via

tu me parli e sord’
e business
ma a me
me pari solo nu fesso

sti sord m’hanno acciso
va tu
sentiti forte
te’ so rimaste solo sti porte

sto solo
e non me ne fotte niente
voglio solo sta quiet’
assetato cca’ deret’

Me voglio senti bbuono
m’adda fa male a schiena
pe nun sentì cchiu’ sta pena

facetemi capi’
co nu bicchiere e vino
facetemi capi’
che carte mie in mano

dentro a ‘sti mura
non so cazzo e capi’
gli anni se ne vanno
e ca’ capa calata stamm’

Adda’ uscì sta juarnata
pe’ me scurda’ chi ero
pe’ me scurda’ che cercavo

miezo a gente
co’ cielo ‘mpiett’
tu stai zitta e m’aspiett’

fammi capi’
tienimi stritt
sta nuttata non vo’ fini’
fammi capi’

stu’ vecchiariell
è na’ salvezza
tene gli occhi veri
e mi capisce

e io sto meglio
non ma piglio che pensieri
o posso capi’
cu poco
o posso capi’

Standard
poesia

Napule è

A sta città cchiù ‘a schiattano
e chell’ cchiù piglia forza,
curaggio e orgoglio…
A sta città cchiù ‘a maltrattano,
‘a sparlano e ‘a cummogleno e munnezz
e chell’ cchiù bell’ rinasce.
Non se fa’ mai vecchia
tutto ce passa ‘nguoll’ a sta città abbandonata
nu’ tesoro immenso, scurdato,
che s’arrecrea rint’ ‘e cuopp’ e giurnal,
rint’ e singole parole
ca’ pure se so’ corte
te’ sanno fa vede’ e cose
e sanno raccontà
vann’ annanz’
addó le altre lingue si devono solo ferma’.
Sta città è fatta e mille culure e mille paure
e ‘a gente cammina miezo ‘a via pe’ sbraità’…
Ma, se o’ dicevi tu Pinù
tutti ce fermavamo pe’ te’ senti’
cu’ ll’uocchie chiusi
e o’ fridd ‘nguoll’
e mo’, oggi ca te ne si’ ghiut’
te sentimm’ che guance ‘nfose e ‘o core scuro.
Mo’ nun ce stai cchiù
vola Pinù, vola Pinù…
noi stamm’ cca’,
cca’, è tutta n’ata storia
qualcuno sbraita ancora
col mio, ‘o touj e ‘o nuost’…
Tu non li pensa’
Vola Pinù addó primm’ ce portavi ca’ voce e a musica
Vai mo’, vola Pinù!

Standard
poesia

politicanti

Sti vintiquatt’ore mie sono chiene chiene,
avvermecate, ‘e corsa e cusute cu’ ll’ansie e cu’ e pensiere.
Nu prufessore’ pulito e frisco frisco
me dice ‘a rinto ‘a televisione ca’ oggi,
pe sta’ cujet’ e mettere ‘o piatto a tavola ‘amma correre sempe,
sturia’ tutta ‘a vita e ciamma scurda’ ‘o posto fisso.
Tant’autre ca s’affacciano ‘a rinto ‘a chella scatulella mia
ca songo d’autre culure,
comme so’ ssempe state ‘e ttribù,
s’arravogliano co ‘e llungue sempe diece passi ‘ncopp ‘a mme
e senza ricere niente d’o ‘lloro,
regnennose ‘a vocca ‘e parole c’accattano.
Ma che ne sanno sta ggente sicche e senza palle che de’ ‘a vita,
‘a poesia, l’anema e l’ozzio e chi sape tutte e cose e nun dice niente?
Appocundrut nce’ penso e ddico:
ma addó stamme jenno, che vvia è chesta?
Che stamme facenno?…
‘e chi è sta democrazia addó nun ce sta spazio pe’ nisciuno?
Addo’ó chi è cumannato nun capisce chi ‘o cumann’
e chi cumann’ non sape e nun capisce ll’anema soja e insegna tutto ‘o riesto?
Giambattista ‘o ddiceva ca ce stevano e corsi e i ricorsi ca ce guvernano
e chesta ‘e oggi è proprio na’ bbarbaria,
so’ turnate chille ca’ ce pigliano, cummanano parlanno ‘n ‘ata lengua,
senza rispetto e senza Ddio.
Standard