poesia

Una manciata di parole

Faccio partire Mozart

i violini mi spaccano il soffitto

le finestre scoppiano,

il Sahara, la savana africana,

le Alpi, le stelle, le galassie,

i tramonti al mare,

le risate del cuore,

tutte le lacrime di gioia

e la malinconia

mi roteano in testa.

Ho di nuovo la fronte sul muro

un folle ghigno mi sorge sul volto

e sento dentro di me tutto il caos

per generare la mia stella danzante.

Resto spettatore

in mezzo

tra tutto quello che non mi piace ed il forse

che sempre più raramente

riesco ad afferrare.

L’attesa non ha senso

la fila non è mai corta.

Le parole che scrivo

scheggiano la superficie di quel che sento

continuo a girarci intorno

mi manca l’intuizione

per mettere tutto

in una manciata di parole.

Standard
Uncategorized

L’uomo semplice pensa e si esprime affidandosi a quel che ascolta, a quello che la gente dice.
Il dotto si affida al groviglio di pagine che ha in testa creando architetture complesse di pensieri e parole.
L’intelligente osserva e fornisce risposte originali, utili.

Il poeta non sa nulla, non conserva nulla, vibra con le pagine e le parole e trasmette visioni, stati d’animo, compone capolavori con gli occhi chiusi.

Standard
img_8253
poesia

La nostra estate

In una calda sera d’estate
il cielo si pose amorevole
su due giovani
che l’inverno precedente
eran stati bambini.

Si trovarono stretti
senza sapere come
l’uno nelle braccia dell’altro
confusi dal primo bacio ardente
che li unirà in eterno.

Questo ci è capitato amore mio.
Se non ci avessi pensato,
se non fossi inciampato nella poesia,
quel dolce ricordo
sarebbe rimasto vivo per noi
e mai nato per il mondo.

Standard
poesia

Non credo ed ho ragione

In questo luogo il silenzio è buio.
Qui l’anima non ha spiragli
non ha vette, tumulti o voragini.
Una prigione senza muri e sbarre
un silenzio muto
scandito da ore vecchie
appoggiate addosso.
Così è il centro del petto
di chi non crede più all’amore
di chi fa dispetto a se stesso
per un dispetto ricevuto.
E non percorre più vie nuove
non si arrampica tra le parole dei poeti
e passa il tempo
a darsi ragione.
Pensaci Anna,
non ci si difende dall’amore.

Standard